Recensioni

LUF & Massimo Priviero, Terra & Pace

luf-terra e paceLUF & MASSIMO PRIVIERO
Terra & Pace
PSP / Self
****

Per celebrare il centenario del primo conflitto mondiale i camuni Luf ed il veneto Massimo Priviero hanno unito le forze per concepire e registrare un omaggio alla grande guerra. Un omaggio che mischia la vitalità rock di Priviero con il senso del combat folk dei Luf: il cocktail è ad alto potenziale. Sembra di sentire gli Old Crow Medicine Show, quando la band si scatena e violini e fisarmoniche diventano il piatto forte. Ritmo e storia, sudore e melodia. Una cosa che non manca, né ai Luf, né a Priviero, è il senso della musica, il fatto di sapere stare nella metrica, di seguire la melodia, di dare ritmo al tutto, senza mai stravolgere il sunto originario. Sentire una canzone come Sul Cappello a ritmo infernale, con la fisarmonica che danza dietro le voci e la band che ci dà dentro di brutto, non è da tutti. Sapere mantenere alta la tensione, senza mai perdere di vista la melodia è certamente una cosa che ben pochi sanno fare.
Dario Canossi e la sua creatura, i Luf, sono, oggi come oggi, la miglior band nel settore combat folk: hanno il suono, le voci, e sanno mettere in musica di tutto, dai Lynyrd Skynyrd alle canzoni della grande guerra. E l’uso della voce di Priviero, vedi In Cima al Tonale, è vincente. Massimo infonde una aura rock, dando forza alla canzone solo con la voce. Poi il resto la fanno i Luf che, come band, non sono secondi a nessuno. Massimo Bubola ha interpretato in modo superbo, con il recente Il Testamento del Capitano, le canzoni della guerra e degli alpini, ma il disco dei Luf con Priviero ha un’anima più rock. Ha il suono dei Luf, un forza interiore notevole, ed una resa musicale decisamente spettacolare. I Luf sanno infondere alle loro canzoni forze e vigore, ritmo ed inventiva e dei canti vecchi ed inossidabili diventano delle canzoni in cui non riusciamo a tenere fermo il piede, tanto ci prende il ritmo.
Priviero, dal canto suo, ha il senso dell’epica ed un’anima rock forte e decisa. Otto canzoni tratte dalla tradizione: O Gorizia Tu sei Maledetta, Sul Cappello, In Cima al Tonale, La Tradotta, Addio Mia Bella Addio, Era una Notte Che Pioveva, O Angiolina bela Angiolina, Ta Pum. Giusto alla fine ci sono due canzoni dei Luf e due di Priviero. Per la band camuna, Canossi ha scelto due canzoni in tema: Fiore Amore Disertore e Barbos Berbel Barbu’. Mentre Massimo è andato a riprendere l’epica La Strada del Davai e Il Testamento del Capitano.
Il risultato è un disco dai suoni infuocati, tra folk e rock, con un ritmo intenso, la musica che esplode in mezzo ad ogni canzone, con fisarmonica, violino e banjo che la fanno da padroni. Le voci poi, Canossi e Priviero, non si discutono. E l’idea è affascinante e qui raggiunge un tono epico decisamente unico. Un album di folk rock a tinte forti dove energia e creatività si mischiano in modo geniale: Addio Mia Bella Addio, con la voce di Priviero che la rocca, la travolgente rilettura de La Tradotta, il ritmo pazzesco di Su Il Cappello. Non sembra che stiamo parlando di canti di montagna, di canzoni degli alpini, ma di ballate folk rock con una sferzante iniezione di sonorità americane, per il vigore che i ragazzi ci mettono nel suonare. E quando usano un coro, dire che vengono i brividi è la pura verità.
Un disco bello ed intenso, forte e vigoroso, che si gusta dall’inizio alla fine, da Su il Cappello a Il Testamento del Capitano. E, in mezzo, ci sono altre dieci canzoni in cui non riusciamo a non essere partecipi. Il fascino di Ta Pum,che ha una musicalità notevole, la forza de La Strada Del Davai, racconto epico cantato in modo trascinante, Barbos Barbel Barbù, coi violini in libertà ed un ritmo degno della Seeger Session Band di Springsteen, la rilettura de Il Testamento del Capitano, che Priviero fa diventare un rock ballad di grande spessore. Tutto concorre a fare di questo disco una delle proposte più interessanti del momento. Un disco di una forza e di una intensità che si sentono di rado. Ed è stato inciso dalle nostre parti. Da non credere.

QUESTO MESE

Facebook

Partner

Blog

Radio