Recensioni

Richard Lindgren, Sundown on a Lemon Tree

richard-lindgrenRICHARD LINDGREN
Sundown on A Lemon Tree
Appaloosa
***½

Non conoscevo Richard Lindgren, è stato Andrea Parodi a farmelo conoscere. E lo devo ringraziare. Lindgren è un talento, uno vero. E’ anche un bel bevitore di vino, ma questa è un’altra storia. In Svezia è conosciuto ed ha inciso diversi dischi. Driftwood (2013), Grace (2012), Poet Drown in Lakes (2009), A Man You Can Hate (2008). E non sono gli unici. Ma Sundown on A Lemon Tree è il migliore, oltre che l’ultimo.
Cantautore vero, folksinger puro, Richard conosce la musica, le canzoni e le interpreta con molto cuore, con passione. Prendiamo Hard Times, un brano che risale al milleottocento (Stephen Foster), la versione che troviamo in questo disco è splendida: solo voce e piano, ma che forza, che intensità. Il risultato va ben oltre ogni più rosea aspettativa. E non è l’unica. Sundown on A Lemon Tree, titolo del disco, è una ballata struggente che mischia il suo amore per l’Italia con una scrittura lucida, che fonde mirabilmente la passione per il folk ed una melodia di grande intensità. Non si scrivono canzoni di questa forza se non si è bravi, se non si ha una conoscenza approfondita della musica. Ed è proprio questo che traspare, ascoltando Lindgren: la sua conoscenza della musica, la sua apertura mentale, la sua bravura nel sapere fondere antico e moderno, tradizione ed innovazione. Non solo Hard Times ma anche Danny Boy, altro evergreen di grande fascinazione. E poi c’è la gemma Return to Me, un vecchio brano reso celebre da Dean Martin, che Richard canta parte in inglese, parte in italiano. Emozionante. Senza dimenticare la dolce If I Ever Walked Away, gradevole quanto basta, oppure la rilettura di My Blue-Eyed Woman (Jimmie Rodgers) o le canzoni scritte nella nostra penisola come Hobo and Marina e Song For Claudia. Lindgren è un talento, ha il senso della melodia, sa scrivere, è dotato di una buona voce. Sundown on A Lemon Tree è un bel biglietto da visita. Da prendere assolutamente in considerazione.

QUESTO MESE

Facebook

Partner

Blog