Foto: Rodolfo Sassano

In Concert

FKA Twigs live a Milano, 29/11/2019

C’è davvero la folla delle grandi occasioni a presenziare all’unica data italiana, al Fabrique di Milano, del tour di FKA Twigs a supporto del nuovo Magdalene, sicuramente uno dei dischi più chiacchierati dell’anno che volge al termine. La cantante, producer e ballerina inglese è arrivata al nuovo album dopo una lunga pausa che l’ha vista affrontare prove difficili – la fine di un’importante e gossippatissima relazione, l’asportazione di sei fibromi uterini – cose che hanno finito per permeare e non poco il senso ultimo del nuovo lavoro che, pur non essendo un vero e proprio concept album, trova nella figura di Maria Maddalena un simbolo di forza e consapevolezza femminile utile alle sue riflessioni sul suo ruolo di donna e performer. 

Quello messo in scena da Tahliah Debrett Barnett, questo il suo vero nome, è qualcosa di più o comunque di diverso di un semplice concerto. È un qualcosa di molto più simile ad uno spettacolo teatrale di musica e danza, dove l’aspetto visivo della performance assume un’importanza quantomeno pari a quello musicale. Se già il disco nuovo si segnala per la centralità della voce, straordinaria, a parziale discapito dell’elemento produttivo (comunque curatissimo ovviamente, ma forse un po’ meno radicale rispetto a quanto ci aveva abituato), nello show questo umanissimo ingrediente si completa con la fisicità del corpo e con le sue possibili figurazioni, in un processo di completamento di un discorso al cui centro c’è la femminilità e tutta la sua complessità.

Per tutta la prima parte del concerto, in scena c’è lei, da sola o accompagnata da quattro ballerini. I giochi di luce sono giostrati con eleganza, sfruttano uno sfondo sul quale si staglia un enorme tendone, quinta perfetta per i sinuosi movimenti di danza messi in mostra. A colpire, ancora una volta, sono le performance vocali, svettanti e maestose, mentre la musica pare stendersi meditativa, ambientale, quasi solo uno sfondo indistinto. Nessun musicista si vede sul palco in effetti e potrebbe esserci il sospetto che siano tutte basi. La prima parte scorre così, un po’ eterea, ma vira in qualcosa di più fascinoso al primo cambio costume – durante il quale viene mandato uno dei vari brani registrati a mo’ d’intermezzo (saranno  in tutto tre: Thousand Eyes, Fallen Alien, parzialmente Lights On) – quando parte una seconda sezione molto bella, dove lei indossa un abito quasi zingaresco e gli altri ballerini inscenano una danza avvolgente con maschere grottesche e misteriose, capaci d’evocare un mood da teatro dell’antichità.

Nelle sue canzoni s’agita la sofisticatezza pop di Kate Bush, ma sopravvive un feeling R&B filtrato però da una cornice algida e studiatissima, la quale non impedisce all’emozione d’apparire. La quale esplode a metà concerto, quando il tendone cade e svela una struttura post-industriale all’interno della quale si trovano i tre musicisti (a dividersi tastiere, percussioni, violoncello, piano, basso e chitarra). Con il cambio di scena, anche il concerto cambia di passo e così i movimenti di FKA Twigs, la quale impugna una spada e ingaggia un duello con un nemico forse solo mentale, oppure, in uno dei momenti più emozionanti, si attorciglia attorno a una pertica portando anche la pole dance nel novero delle possibilità espressive.

Lo spettacolo vero e proprio si concluderebbe con Two Weeks e la sua esplosione di coriandoli sul pubblico (a dire il vero un po’ sfiatata rispetto a quando l’avevo vista al Primavera Sound), ma c’è ancora tempo per la commossa e avvolgente ballata Cellophane, arrivata dopo l’unico momento in cui, timidamente a dir poco, la Barnett si concede un saluto e un ringraziamento al pubblico, uscendo per qualche attimo dal personaggio messo in scena. FKA Twigs ha trovato il modo di esorcizzare in pubblico le difficoltà passate allestendo un’esibizione dove voce e corpo sono diventati un unico abbraccio intimo col suo pubblico, per quello che è uno spettacolo che, a dire il vero, più che in un music club, si immagina perfetto per un teatro.

Infine una curiosità: quello di questa sera era il primo concerto ad affidarsi alla piattaforma Dice per la vendita dei biglietti dei concerti, un sistema pensato per contrastare il secondary ticketing.

Questo mese

The Junior Bonner Playlist

Backstreets Of Buscadero

Rock Party Show Radio

The Blues Podcast

Facebook