News

Villa Arconati Music Festival 2016

loc_fva_2016_a4_webIl Festival di Villa Arconati è un progetto culturale nato ventotto anni fa originariamente grazie alla collaborazione fra i Comuni di Bollate, Arese, Garbagnate Milanese, la Provincia di Milano, la proprietà di Villa Arconati e i sostenitori della manifestazione.

Dall’esperienza del Festival è nato in seguito il Polo Culturale Insieme Groane che coinvolge attualmente i Comuni di Arese, Bollate, Baranzate, Cesate, Novate Milanese, Senago, Solaro ed il Parco delle Groane. “Insieme Groane” ha permesso di valorizzare numerosi beni architettonici e artistici e ha promosso nuove manifestazioni culturali.

Nel corso del tempo il Festival ha acquisito un carattere ed una personalità unici, tanto da essere ormai considerato uno dei Festival musicali più importanti dell’estate italiana. Tutto questo è dovuto certamente alla qualità delle proposte artistiche che il Festival ha offerto nelle passate edizioni e grazie anche al valore architettonico, ambientale e storico di Villa Arconati, una delle più importanti Ville di Delizia del XVIII secolo presenti nel Nord Italia.

Ricca e interessante come sempre la programmazione dell’edizione 2016:

DIANA KRALL, che aprirà la rassegna con il suo “Wallflower world tour” Martedì 12 luglio. Canadese, musicista di qualità e dotata di una voce definita “cool, intimate and graceful”, Diana Krall è diventata nel tempo la custode preziosa di tanti tesori musicali che con la sua reinterpretazione diventano di nuovo patrimonio collettivo di chi ama il jazz, la melodia e un modo moderno e sensibile di interpretare il sentimento in musica. Ha collezionato Cinque Grammy Awards ed ha venduto più album di qualunque altra musicista di jazz dell’ultimo trentennio, risultando così una vera best-seller fra gli artisti della sua generazione. Diana Krall ripercorrerà sul palco il suo incredibile repertorio – compresa la sua emozionante versione di The look of love di Burt Bacharach – fino ad arrivare al nuovo album Wallflower uscito a febbraio.

Un’altra voce femminile, diversa nel tono e nel genere, sarà protagonista nel secondo appuntamento sul palco del Festival, ed è un ritorno graditissimo, quello di CAT POWER, che sarà a Villa Arconati domenica 17 luglio. Chan Marshall, in arte Cat Power, ha già suonato a Villa Arconati nel 2008. Da allora nella sua vita artistica sono successe tante cose, compresa l’uscita di Sun nel 2012 e considerato dalla critica di tutto il mondo come il suo album più maturo ed equilibrato. Straordinaria e sorprendente performer, Cat Power nel 2014 ha collaborato anche con i Coldplay per Wish I was Here, brano colonna sonora del film omonimo per la regia di Zach Braff, purtroppo mai distribuito in Italia. Ad aprire il concerto ci penserà WILLIAM FITZSIMMONS, una delle voci più intense del nuovo cantautorato americano. Dopo l’esordio nel 2005 con il disco Until When We Are Ghosts, ha pubblicato altri quattro album che ne hanno messo in luce il talento di delicato compositore e polistrumentista. L’ultimo lavoro discografico è la seconda parte di un progetto dedicato alla sua famiglia: la prima parte si intitola Pittsburgh ed è uscita nel 2015, mentre il secondo volume Charleroi è uscito il primo aprile di quest’anno e sarà la base del suo live in Villa Arconati.

Lunedì 18 luglio salirà per la prima volta sul palco del Festival una vera e propria “living legend” del rock: IAN ANDERSON. Fondatore e anima assoluta dei Jethro Tull, l’uomo che ha reso il flauto uno strumento perfetto per il rock arriva in Villa Arconati per proporre lo sterminato e straordinario repertorio che ha scritto e suonato insieme alla sua band dal 1968, anno del primo leggendario album This was, fino ai giorni nostri come splendido solista. Sul palco Ian Anderson è affiancato dai musicisti che lo accompagnano da diverso tempo: John O’Hara alle tastiere, David Goodier al basso, Florian Opahle alla chitarra, Scott Hammond alla batteria. Un’occasione imperdibile per riascoltare dal vivo brani veri “rock standard” come Aqualung, Thick as a Brick e Locomotive Breath.

Un’altra pagina di storia della musica si apre Martedì 19 luglio, grazie alla presenza al Festival di Villa Arconati di JOAN BAEZ. Voce da sempre attenta alle ingiustizie, alle oppressioni, sempre pronta a stare dalla parte dell’ultimo dai suoi esordi alla fine degli anni Cinquanta ad oggi, Joan Baez si è regalata per il suo settantacinquesimo compleanno un album celebrativo in compagni di amici come Jackson Browne, David Crosby, Paul Simon, Mavis Staples, Richard Thompson, Emmylou Harris, Damien Rice, Mary Chapin Carpenter e altri. E naturalmente un world tour, dove riprende il meglio del suo repertorio d’autore per raccontare ancora una volta storie belle e importanti scritte per lei da Bob Dylan, Ennio Morricone o da lei stessa. Da sempre Joan ha raccontato tutto ai suoi fans, continuando a rinnovare i suoi concerti con passione, energia e vitalità, sempre alla ricerca di una buona canzone, di una giusta causa da sostenere, confermandosi un tesoro invidiabile per l’umanità.

Da qualche anno per spiegare come si racconta una storia si usa un termine inglese, “Storytelling”. Sarebbe la parola giusta per introdurre l’appuntamento di Giovedì 21 luglio, se non fosse che usare l’inglese per presentare FRANCESCO GUCCINI sembrerebbe un’inutile forzatura, sopratutto per lui stesso e la sua storia. Guccini esordisce sul palco di Villa Arconati alla bella età di 76 anni, e lo fa raccontandosi in forma di intervista grazie alle domande e alla complicità di due firme importanti del giornalismo musicale italiano come Ernesto Assante e Gino Castaldo. Il racconto percorrerà l’Italia dal dopoguerra ai giorni nostri attraverso le sue canzoni e i suoi libri e attraverso i suoi miti, le sue origini, le sue ispirazioni. A coronare la serata un concerto dei Musici, i musicisti che l’hanno accompagnato in una lunga carriera di concerti live e che interpreteranno alcune delle canzoni suonate in quello che è stato definito un “neverending tour” durato oltre 40 anni.

Venerdì 22 luglio è tempo di festa a Villa Arconati: torna per la sua quarta partecipazione GORAN BREGOVIC. Accompagnato dalla sua storica formazione, la Wedding & Funeral Band (fiati, percussioni e voci bulgare) Bregovic torna periodicamente in Italia per ricordarci che “chi non diventa pazzo non è normale”, ovvero il titolo del suo ultimo tour pieno come sempre di pura poesia e pura energia, attraversato da “… sonorità selvagge, un po’ alticce, affidate agli ottoni, alternate ad altre solenni e toccanti.” come dice lui stesso. In programma anche qualche brano che farà parte del nuovo album, previsto per il prossimo anno.

Per chiudere un edizione del Festival di Villa Arconati che legge il passato per guardare al futuro, non poteva esserci scelta migliore di CRISTIANO DE ANDRÉ che canta Fabrizio De André, previsto per Sabato 23 luglio. Con il progetto “De André canta De André”, l’artista omaggia il padre in occasione dei 50 anni dall’uscita del primo disco Tutto Fabrizio De André, album che già conteneva alcuni dei titoli “assoluti” di Faber. Cristiano è già passato da Villa Arconati, quando accompagnò il padre come polistrumentista nel suo concerto del 1998. Torna per reinterpretare al meglio una parte dell’immenso repertorio di Fabrizio, interpretando sul palco i brani contenuti in progetti discografici di grande successo come De André canta De André – Vol. 1 (2009) e De André canta De André – Vol. 2 (2010). Ci saranno inoltre quindici “nuove” canzoni non ancora rivisitate, tra cui La Guerra di Piero, Via Del Campo, Amore che vieni, amore che vai, Canzone per l’estate, Una storia sbagliata e Il bombarolo.

 

BIGLIETTI

DIANA KRALL

12 luglio 2016

Wallflower World Tour

€ 80 – 60 – 50 – 40

CAT POWER + William Fitzsimmons

17 luglio 2016

€ 25

IAN ANDERSON

18 luglio 2016

The best of Jethro Tull

€ 60 – 48 – 35

JOAN BAEZ

19 luglio 2016

An evening with Joan Baez

€ 50 – 40 – 30

Incontro con FRANCESCO GUCCINI

21 luglio 2016

Presentano Assante e Castaldo

con la partecipazione dei Musici

€ 30 – 25

GORAN BREGOVIC

22 luglio 2016

If you don’t go crazy, you are not normal!

€ 30

CRISTIANO DE ANDRE’

23 luglio 2016

De Andrè canta De Andrè

€ 30

 

TUTTI I CONCERTI HANNO INIZIO ALLE ORE 21.00

PREVENDITA: WWW.MAILTICKET.ITAcquistare con Mailticket è facile e veloce

Questo mese

L’indice completo di Buscadero

The Junior Bonner Playlist

Backstreets Of Buscadero

Facebook

ADMR Rock Web Radio

Rock Party Show Radio

The Blues Podcast