foto di Lino Brunetti

In Concert

White Hills live a Mezzago (MI), 25/04/2015

È un Bloom non pienissimo ma caloroso, quello che, nel giorno del settantesimo compleanno della Liberazione, ha accolto i White Hills nella loro ennesima sortita in terra italiana. Lo certificherà lo stesso Dave W durante il concerto, dicendo esplicitamente che non ci sono molti posti al mondo che lo fanno santire a casa come qui da noi. La serata era stata aperta dai The Gluts, band milanese che ha messo in scena le canzoni del loro recente Warsaw: ottima presenza scenica ed un suono potentissimo in bilico tra post-punk oscuro e psichedelia intrisa di distorsione chitarristica, queste le carte vincenti del loro ficcante ed esaltante set. Dovesse capitarvi, non perdeteveli perché meritano parecchio. I White Hills, col nuovo Walks For Motorists ancora fresco di stampa, salgono sul palco poco dopo, come sempre in formazione a tre: Dave W a voce, chitarra e synth, Ego Sensation a basso e voce e Rodney alla batteria. Luci sparate alle spalle ed ampio utilizzo di fumo, i tre si presentano come pure silhouette. Un rapido intro e subito ci spiattellano addosso il riff pulsante di No Will, il pezzo che apre il nuovo disco. Come sottolineammo recensendolo, col nuovo lavoro i White Hills hanno tentato nuove strade, non perdendo però di vista il loro essere campioni di psichedelico space rock. In questo senso è subito esemplare l’allucinata Lead The Way, un vero trip fatto di chitarre acide e basso ipnotico, a cui fanno seguire una iper satura The Condition Of Nothing, tratta dal capolavoro Hp-1. Immancabile in tutti i loro concerti, arriva esaltante Under Skin Or By Name – è il pezzo che eseguono anche in una scena dell’ultimo film di Jarmusch – heavy psichedelia stoogesiana della miglior specie. La chitarra di Dave W disegna liquidi assoli e sparge distorsione acida sul pubblico, mentre gli altri due reggono le fila del discorso con il loro groove compatto. In £SD Or USB la chitarra viene lasciata da parte in favore del synth, per dar vita al pezzo più ballabile della serata, ma è un attimo visto che la sei corde riappare sia in We Are What You Are che in Walks For Motorists. L’apoteosi chitarristica arriva però nel finale, prima con una mastodontica, dura e lisergica Hp-1, poi con la mercuriale (ma ben più corta dell’originale) Don’t Be Afraid ed infine col martellamento incalzante di Eternity in chiusura. Giusto il tempo di un bis e poi è tempo di andare a casa. Con le orecchie fumiganti, ma felici.

Questo mese

L’indice completo di Buscadero

The Junior Bonner Playlist

Backstreets Of Buscadero

Facebook

ADMR Rock Web Radio

Rock Party Show Radio

The Blues Podcast