Recensioni

Warren Haynes Feat. Railroad Earth, Ashes & Dust

warren haynesWARREN HAYNES FEATURING RAILROAD EARTH
Ashes & Dust
Provogue
****

Pur con tutta la mia buona volontà, un disco come questo da Warren Haynes proprio non me lo aspettavo. Prima di tutto, il disco è molto bello. Secondo: è un disco abbastanza acustico. Warren suona sia l’acustica che l’elettrica, è accompagnato dai Railroad Earth, una jam band che i lettori del Busca conoscono molto bene. Terzo: il disco è una sorpresa in tutti i sensi. Se pensate alla carriera di Warren, che ha suonato con tre delle più grandi band del pianeta (Allman Brothers, Grateful Dead, Gov’t Mule), e sempre la chitarra elettrica, mai vi sareste aspettati un disco come questo. Ma poi, ascoltandolo, ve ne innamorerete immediatamente, per via del suono e della bellezza delle canzoni.

Un suono pieno, intenso, profondo, coinvolgente, che mischia folk ed improvvisazione, intuizioni rock e grande scrittura. Warren ha fatto un disco alla Railroad Earth, non loro sul suo stile. Ma poi, vista la sua carriera, quale è lo stile Haynes? Capace di cambiare genere anche nello stesso disco (basta ascoltare il recente The Dub Side of the Mule), Warren passa con disinvoltura da un genere all’altro. Grande padronanza della materia, grande voglia di mettersi continuamente in gioco, non lascia nulla di intentato ma va sempre in profondo ad ogni sua avventura. E, nel caso di Ashes & Dust si spoglia da ogni veste del passato a fa un cosa diversa. I Railroad Earth sono parte integrante del suono, anzi questo è un disco loro, con Warren alla voce ed alla chitarra se non che, poi, alcune canzoni sono classiche dello stile di Warren. Un disco pensato a lungo, alcune canzoni giravano nella testa di Warren da venti anni, ma non avevano trovato posto sui dischi dei Muli, né sui precedenti album da solista del nostro. E poi il suono, senza batteria, ma con chitarre acustiche ed elettriche, violino e strumenti a corda vari in primo piano, è realmente una cosa diversa, rinnovata, inattesa.

Trovi l’articolo completo su Buscadero n. 380 / Luglio – Agosto 2015

QUESTO MESE

Facebook

Partner

Blog

Radio